artemis

Mi sono trasferito da un mese a Bermuda con la famiglia per occuparmi a tempo pieno delle analisi sull’AC50 del team svedese Artemis. Ogni giorno prendo lo scooter perché in bici sarebbe scomodo ed in macchina troppo complicato.

Per la bici il neo sono il vento, i saliscendi e in ultimo la pigrizia di pedalare la mattina presto o la sera tardi; per la macchina la burocrazia, dato che bisognerebbe prendere la patente locale.

 

 

I 2 litri di capienza del carburante mi durano almeno 3 viaggi casa/base poi mi fermo a fare il pieno. Il benzinaio super sorridente mi riempie il serbatoio, guai servirsi da soli! Sarebbe una scortesia inaccettabile. Poi mi tocco le 6 tasche: 4 dei pantaloni, 2 della giacca….non ho il portafoglio! Scavando ancora più giù nelle tasche trovo gli spiccioli mischiati alla sabbia e alla polvere che sedimentano nei pantaloni. 3 dollari e 50, mancano 2 dollari.

Bermuda

Passeggiata per Hamilton, Bermuda

Vado alla cassa con le orecchie bassissime e chiedo pietà giurando che il giorno dopo sarei passato a pagare. Senonchè l’attempata signora alle spalle mette 2 dollari sul banco e sussurra alla cassiera che avrebbe saldato lei. Io la guardo e dico «signora lei è troppo gentile, non posso accettare!» e lei «JUST SAY THANKS»;  la cassiera  mi guarda, allarga le braccia e  dice «THAT’S HOW WE ARE».

Senza più parole: saluto, accendo il motorino e vado a casa.

Commenti