Red Bull

Ne “Il curioso caso di Benjamin Button”, Brad Pitt nasceva già vecchio per poi ringiovanire con il passare del tempo al punto da diventare neonato alla fine del film.

Nel mondo reale il signor Benjamin Button esiste, è argentino e si chiama Santiago Lange. Dopo la vittoria alle Olimpiadi di Rio all’eta di 54 anni è diventato un personaggio mediatico soprattutto a causa del cancro ai polmoni sconfitto pochi mesi prima dei giochi.

Santiago Lange

Io Santiago Lange l’ho conosciuto nel 2012 con il team Volvo di Telefonica mentre faceva parte dello studio di Juan K. All’epoca era già avanti con gli anni per fare anche il velista professionista con Artemis nella sfida di Coppa America, tuttavia non mollava. Lo ricordo sulla banchina di Alameda in California, in un maglione sformato, la barba lunga e le spalle curve che borbottava, «sono vecchio, non posso più competere con dei ragazzi che potrebbero essere miei figli…». Io ascoltavo e pensavo che fosse un ragionamento del tutto logico, nulla da obiettare.

artemisPoi il tempo passa, lui ringiovanisce, prende la barca più complicata e destinata ai “giovani” come disse Pelaschier durante la diretta delle regate, si becca un tumore del quale si disfa in qualche mese, vince le olimpiadi all’ultima prova all’età di 54 anni, stabilendo un record di longevità e…quando lo incontro a Bermuda pochi giorni fa mi dice con determinazione ed entusiasmo: «non vedo l’ora di ricevere il nuovo foiling cat per le olimpiadi 2020 tanto avrò solo 58 anni all’epoca; nessun problema!».

Fremo dalla voglia di vederlo adolescente tra una quarantina di anni!

Commenti